alpi giapponesi shirakawago

Alpi Giapponesi: Itinerario tra Kanazawa, Shirakawa-go e Takayama

La parte più difficile del mio viaggio in Giappone è stata stilare l’itinerario. Così tante cose da vedere e così poco tempo disponibile. Sbirciando quache consiglio in rete, ho trovato un mini itinerario tra le Alpi giapponesi che mi ha colpito molto, mi sembrava una giusta pausa rilassante tra le varie metropoli enormi del paese. Così, ho scelto di soffermarmi e visitare tre posti in particolare: Kanazawa, Shirakawa-go e Takayama.

Ho diviso il post in tre parti, concentrandomi sulle particolarità di ogni luogo. Ecco i luoghi visitati nel mio itinerario tra le Alpi giapponesi:

Cosa vedere a Kanazawa
Cosa vedere a Shirakawa-go
Cosa vedere a Takayama

alpi giapponesi itinerario

Alpi giapponesi

Kanazawa

Kanazawa è probabilmente quello che si avvicina di più a una grande città in questa zona. Noi ci siamo fermati una giornata intera, ma in realtà mi sarebbe piaciuto avere più tempo per esplorare i diversi musei. Ecco cosa vedere a Kanazawa in un giorno:

Castello di Kanazawa

Come molte strutture in Giappone, anche il castello di Kanazawa fu distrutto e ricostruito diverse volte nel corso dei secoli, l’ultima modifica ai primi anni del 2000. Nonostante la mano recente, il castello è una struttura imponente, in passato si diceva avesse addirittura al suo interno “1000 tatami”. L’ingresso è a pagamento (400 yen) ma i giardini si possono girare gratuitamente.

alpi giapponesi kanazawa

Il castello di Kanazawa

Kenroku-en

Questa meravigliosa oasi di pace viene definito uno dei giardini zen più belli e famosi di tutto il Giappone. Come dargli torto, una passeggiata in questo parco infonde un senso di tranquillità e calma, perfetta per trovare il proprio equilibrio dopo giornate passate nelle grandi metropoli.
Ingresso: 310 yen, circa 3€

alpi giapponesi kanazawa

Il giardino Kenroku-en

Mercato Omicho

So che sembrerà strano visto il contesto delle Alpi giapponesi, ma Kanazawa si affaccia sul mare. Per questo, ogni mattina, il porto rifornisce il mercato Omicho di pesce fresco e alcune bizzarrie marine che ho visto solo là. All’interno, il forte odore salmastro ci fa capire che qui si trovano prevalentemente prodotti ittici. Nonostante sia a tutti gli effetti un posto turistico, ho visto molti locali mangiare ai vari banchi. Ovviamente, ci siamo fermati anche noi, sparandoci un bel sashimi fresco.

Nagamachi e Higashi Chaya

Il quartiere Nagamachi un tempo ospitava le case dei samurai di medio e alto livello durante il periodo feudale. Il quartiere ha delle strade a forma di “T” e “L” con molti vicoli ciechi proprio per impedire le vie di fuga e aumentare la sicurezza. Alcune delle casa sono private, mentre altre aperte al pubblico.
Higashi Chaya, invece, si trova leggermente fuori dal centro ed era il quartiere delle geishe. Vi dirò la verità, non mi ha fatto impazzire perché l’ho trovato davvero troppo turistico e affollato, era quasi impossibile camminare. Molto più bello è Gion a Kyoto.

alpi giapponesi kanazawa

Il muro di cinta che divide il quartiere dei samurai

Se avessi avuto più tempo, mi sarebbe piaciuto fare un giro al Museo di Arte Contemporanea del XXI secolo. Purtroppo, per mancanza di tempo, ci siamo solo aggirati per il giardino, scattandoci qualche selfie con le opere esposte all’esterno.

alpi giapponesi kanazawa

Selfie con tanto di zainone sulle spalle

Come arrivare e come muoversi a Kanzawa: Noi siamo arrivati da Tokyo con lo Shinkansen, avendo il Japan Rail Pass. Per muoversi se si ha il pass c’è un comodo bus della JR che porta proprio davanti alle attrazioni principali. Gli orari sono in stazione.

Shirakawa-go


Shirakawa-go è una vera chicca, penso sia uno dei luoghi che ho amato di più in Giappone. Protetto dalle maestose Alpi giapponesi, questo villaggio storico è famoso per le sue case peculiari in stile gasshō-zukuri. Sono normalmente costruizioni a tre o quattro piani caratterizzate da un tetto spiovente in paglia, che ricorda due mani giunte in preghiera. La paglia e la forma particolare proteggone le abitazioni dalle abbondanti nevicate e dal gelo invernale. Lo spazio dentro è davvero tantissimo, pensate che in un’abitazione vivevano fino a 20-30 persone!

alpi giapponesi shirakawago

Le bellissime abitazioni di Shirakawa-go

Le abitazioni, oggi patrimonio UNESCO, hanno circa due secoli e fino agli settanta tantissimi abitanti si guadagnavano da vivere allevando bachi da seta. Oggi molte case sono aperte al pubblico, come la casa-museo Wada House, mentre altre rimangono abitazioni private – un po’ come a Kanazawa.

alpi giapponesi shirakawago

Il villaggio dall’alto

Come arrivare a Shirakawa-go: bisogna prendere un bus della linea Nohi Bus da Takayama o Kanazawa. In rete si può trovare facilmente l’orario e il costo. Purtroppo il Japan Rail Pass non comprende questa tratta.

Takayama


Takayama è stata forse la parte più turistica del viaggio. Sebbene le premesse possano sembrare un po’ caotiche, la città offre una pace e una tranquillità incredibili, sembra impossibile pensare che qui vivano più di 90mila persone.

Abbiamo dedicato a questa cittadina una mezza giornata, ecco cosa siamo riusciti a vedere in Takayama in questo breve lasso di tempo:

Sanmachi Suji

Il quartiere tradizionale di Takayama, con case di legno dalla forma tipica della zona. Oggi la maggior parte delle abitazioni ospita negozi di souvenir e altre attrazioni per i visitatori, per questo vi dicevo che forse questo posto ha perso un po’ di autenticità.

alpi giapponesi takayama

Takayama

Distillerie di sakè

Non potete andar via da Takayama senza aver assaggiato il sakè. La città, infatti, pullula di distillerie che offrono degustazioni per provare il famoso vino di riso. Il sakè di Takayama è particolarmente famoso per due motivi: viene prodotto con acqua di sorgente alpina e viene utilizzato un riso tipico di questa zona, che dà alla bevanda un sapore equilibrato ma deciso.
Ovviamente, non ci siamo fatti mancare una degustazione. Siamo entrati in una distelleria a caso dove si potevano provare più di 10 tipi con 300yen, circa 3€. Nel quartiere storico ci sono diversi posti dove provare il vino di riso, si riconoscono da una palla costituita da rami intrecciati posizionata davanti la porta d’ingresso.

Tempio Hida Kokubun-Ji

Ma quanto sono belle le pagode? A me lasciano sempre di stucco, hanno un fascino magnetico e riescono a farti sentire piccolo piccolo. Questa pagoda è più piccina rispetto ad altre che ho visto in Giappone – “solo” tre piani, gli altri sono andati distrutti in un incendio – ma è riuscita lo stesso a lasciarmi a bocca aperta.

Higashiyama

A Takayama ci sono vari percorsi da fare a piedi nella natura, con diversi gradi di difficoltà. Io e il mio compagno abbiamo scelto questo, passando tra templi, cimiteri e natura selvaggia. Dopo un po’, però, siamo tornati indietro principalmente per due motivi: stava iniziando a fare buio e abbiamo visto un cartello “attenzione agli orsi”. Vi consiglio di andarci durante la giornata, per poter immergervi nella foresta e scappare dal caos cittadino il più possibile.

alpi giapponesi takayama

Uno dei templi di Takayama

Vi piacciono i villaggi in montagna o siete più da mare?

10 pensieri su “Alpi Giapponesi: Itinerario tra Kanazawa, Shirakawa-go e Takayama

  1. Alessia ha detto:

    In Giappone ti rispondo entrambi 😉 Itinerario fichissimo, Giulia…Mi piacerebbe tornare anche solo per vedere quelle case col tetto di paglia nel villaggio storico…O quel giardino zen ♥

    Mi piace

  2. Silvia - The Food Traveler ha detto:

    Io sono assolutamente più a favore della montagna che del mare, quindi queste mete sarebbero perfette per me! Poi il Giappone è un paese talmente lontano e come forse ti ho già detto faccio fatica a immaginarmelo perché è così diverso da tutto. Da qualche settimana mi capitano sotto gli occhi tantissimi post sul Giappone e a questo punto sto iniziando a pensare che sia un segno chiarissimo…
    Ecco però forse gli orsi mi frenano un po’ 😱

    Mi piace

  3. Francesca Saporiti ha detto:

    Mai stata in Giappone ma ti sto invidiando 😛 oltre al fatto che poi hai scelto dei luoghi fuori dalle tappe comuni e che solo a vedere queste immagini con villaggi storici, alpi e tanto verde mi vengono gli occhi a cuoricino. Sicuramente anche io come te apprezzerei tantissimo Shirakawa-go, con quelle casette e i laghetti- (o risaie?) che lo rendono un po’ come il nostro Trentino in stile orientale!

    Mi piace

  4. elisascuto ha detto:

    Adoro i villaggi montani, mentre penso che dopo aver visto una grande città Giappone, come Tokyo, sarei già felice ma satura… il tuo itinerario fa proprio per me!!

    Mi piace

  5. prossimafermatagiappone ha detto:

    E’ una zona del Giappone che amo anche io tantissimo! Kanazawa è stata oltre ogni aspettative , ho adorato tantissimo la Nomura Ke. A Takayama invece ti senti subito come trasportato in un’altra epoca 😀

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.