cosa vedere kutaisi e dintorni

Cosa vedere a Kutaisi e dintorni

Kutaisi è una cittadina della Georgia diventata famosa negli ultimi anni soprattutto per il suo aeroporto e i voli diretti WizzAir dall’Europa. Molti viaggiatori atterrano direttamente qui per poi recarsi altrove, solitamente verso la capitale. In realtà, la città è piuttosto interessante e offre moltissimi luoghi nelle vicinanze degni di nota, inclusi alcuni patrimoni UNESCO. Ecco cosa vedere a Kutaisi e dintorni e qualche informazione su dove mangiare e dove dormire.

Kutaisi, come dicevo nell’introduzione, è una città di passaggio. Grazie ai collegamenti veloci con Tbilisi, spesso viene tralasciata. Sono stata in Georgia due volte e il primo viaggio l’ho trascorso interamente nella parte ovest del paese, con base proprio qui, nella piccola ma carismatica Kutaisi.

Premessa: Abbiamo visitato quasi tutti questi posti contrattando i prezzi con i tassisti locali. Non avevamo tantissimo tempo a disposizione e incastrare le varie marshrutka – gli autobus collettivi locali – sarebbe stato peggio di una partita a tetris di alto livello. Non abbiamo speso molto, con 15-20€ al giorno ce la siamo cavata senza problemi, sotto questa cifra non mi sembrava giusto scendere.

Monastero di Gelati

Il Monastero di Gelati è una delle attrazioni più famose della Georgia. Non a caso, è un patrimonio UNESCO. La costruzione è molto antica, risale al 1106. Durante il medioevo, il monastero era un centro culturale di una notevole importanza, grazie all’accademia dove studiavano le menti eccelse dell’epoca. La fama e il prestigio raggiunto diedero a Gelati l’appellativo di “Nuova Grecia”.

cosa vedere a kutaisi e dintorni

C’erano un po’ di lavori in corso, ma il monastero rimane sempre bello

Oggi il monastero è ancora in buone condizione, compresi gli affreschi al suo interno.

Cattedrale di Bagrati

La cattedrale di Bagrati è un vero e proprio simbolo di Kutaisi. Venne costruita persino prima del monastero di Gelati, intorno all’anno 1000. Purtroppo nel XVII venne distrutta dalle truppe ottomane e rimase un rudere per diversi secoli. Solo nel 1952 iniziarono ufficialmente i lavori di ristrutturazione, più per motivi archeologici che religiosi. I lavori sono ufficialmente terminati nel 2012, ma le vicende sfortunate non terminano qui: nel 2017, la cattedrale di Bagrati fu cancellata dalla lista dei Patrimoni UNESCO. Gli ultimi restauri avevano completamente modificato la planimetria originale e modificato persino i materiali originali.

cosa vedere kutaisi e dintorni

Cattedrale di Bagrati, dove abbiamo visto un matrimonio a caso

Nonostante ciò, la cattedrale di Bagrati rimane un simbolo della città e un luogo di culto per moltissimi pellegrini.

Grotte di Prometeo

Le grotte di Prometeo sono una delle meraviglia naturali della Georgia. Si trovano a circa 20km da Kutaisi e devono il loro nome alla leggenda di Prometeo: si dice, infatti, che l’eroe del fuoco fu incatenato proprio in queste profondità.
All’interno si trovano stallattiti e stalagmiti secolari, formazioni rocciose e persino fiumi sotterranei. Inoltre, ci sono delle luci artificiali speciali, che non ledono il microclima e regalano degli spettacoli luminosi davvero notevoli.
Ingresso: 6 lari, circa 3€.

cosa vedere kutaisi e dintorni

L’intero delle grotte di Prometeo

Monastero Motsameta

Questo splendido monastero si non trova non lontano da Gelati, situato a picco sull’ansa fiume Tskhaltsitela. Motsameta – che in georgiano vuol dire “martirio” – è più isolato e meno famoso rispetto ad altri edifici di culto nelle vicinanze di Kutaisi. Per questo, arrivarci non è facilissimo, meglio prendere un taxi o, per i più coraggiosi, affittare una macchina.

Sataplia

Sataplia è una riserva naturale che comprende un parco nazionale e una grotta chiamata, appunto, Grotta di Sataplia. La visita inizia con un reperto davvero eccezionale, l’impronta di un dinosauro. Non è molto grande – circa 30cm – e si stima sia appartenuta a un predatore. All’interno, invece, sono state ritrovate circa 200 tracce più grandi, quasi sicuramente resti di bestioni erbivori.

cosa vedere kutaisi e dintorni

La vegetazione che circonda la riserva naturale

Una volta terminata la visita all’interno della grotta – possibile solo con una guida – si può salire su una terrazza di plexiglass e ammirare il panorama dall’alto. La vista su Kutaisi e sulla riserva naturale è davvero spettacolare.

Canyon Okatse

Chi segue il mio blog da un po’ di tempo, probabilmente si ricorderà di questo posto grazie alla pazza disavventura vissuta tra cani guida e tassisti amanti di rally. Il Canyon Okatse si trova un po in the middle of nowhere – in mezzo al nulla – ma offre uno scenario davvero mozzafiato su una gola profondissima. Io l’ho visitato appena aveva aperto, con la passarella un po’ cigolante e con maiali e mucche che spuntavano da tutte le parti. Oggi sicuramente sarà più adatto ai visitatori, ma la bellezza del luogo rimane immutata.

cosa vedere kutaisi e dintorni

Il canyon Okatse

Dove mangiare a Kutaisi

In Georgia si mangia bene praticamente ovunque, difficile sbagliare.. A Kutaisi, in realtà, abbiamo quasi sempre mangiato in una trattoria gestita da amici del proprietario dell’albergo. Purtroppo non riesco a trovarla su Google Maps, spero non abbia chiuso. Un ristorante che posso consigliarvi senza ombra di dubbio, invece, è Baraqa, dove abbiamo gustato un delizioso hachapuri imeruli.

dove mangiare kutaisi baraqa

Vinello da Baraqa

Dove dormire a Kutaisi

Abbiamo soggiornato al Mini Hotel Kutaisi. Non è proprio in centro, ma si può raggiungere facilmente a piedi o con una marshrutka. Le camere sono semplici e spartane, ma con bagno privato e prima colazione – ottima – inclusa. Il proprietario è gentilissimo e molto disponibile, ti accompagna e viene a prendere in aeroporto persino nel cuore della notte.

A voi piacciono le città “di passaggio”?

13 pensieri su “Cosa vedere a Kutaisi e dintorni

  1. Falupe ha detto:

    Beh definirla una città di passaggio è riduttivo. Quanto descritto invoglia a dedicarci del tempo per godersi appieno delle attrattive. Per anni città blasonate come Singapore, Hong Kong, Kuala Lumpur sono state definiti città di passaggio; poi molti visitatori, me compreso, hanno dedicato loro il tempo che meritano.

    Piace a 1 persona

  2. Lucy the Wombat ha detto:

    Sono anni che vorrei andare in Georgia, non conoscevo né questa città né il fatto che fosse collegata bene, questo mi invoglia ancora di più! Grazie 😊 PS: per un attimo ho pensato che ci fosse tipo un tempio dei gelati 😂😂

    Mi piace

  3. Alessia ha detto:

    Grazie a te scopro sempre nuove città, itinerari non turistici mai banali e interessantissimi. Per rispondere alla tua domanda, direi che dipende dalla città di passaggio. Se è come Kutaisi mi piacerebbe senz’altro 😉

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.