Cristoglie e la danza macabra

Ci sono luoghi belli che ti colpiscono al cuore e luoghi che ti lasciano senza parole. Sarò sincera, nel nostro viaggio pasquale tra Friuli Venezia Giulia e Slovenia, difficilmente siamo rimasti delusi da qualcosa. Anzi, una cosa ci ha lasciati a bocca asciutta: il prezzo del gelato (1,20€ a pallina+1€ per la panna ma perché??), ma quella è una storia per un altro momento. Oggi vorrei parlarvi di Cristoglie, un piccolo centro abitato della Slovenia di poco di più 150 abitanti che ospita una vera e propria meraviglia architettonica: una chiesa fortificata con all’interno una Danza Macabra dipinta.

La Chiesa della Santissima Trinità di Cristoglie (o Hrastovlje in sloveno) è uno di quei luoghi nascosti ma stupefacenti, che riescono a rendere all’istante la tua giornata migliore.

cristoglie danza macabra

Sembra che la Chiesa della Santissima Trinità sia stata eretta nel XII secolo. Venne costruita sulla roccia viva, senza fondamenta e senza nessuna rifinitura esterna, è ancora possibile vedere le pietre e la struttura originale. La forma e la posizione particolare delle due uniche finestre sembra servissero a proteggere la chiesa dalla gelida e impetuosa bora invernale.

Molto probabilmente la chiesa è stata originalmente costruita con delle mura in pietra calcarea, che vennero poi fortificate nei secoli successivi per proteggere l’edificio dall’invasione turca, fino a raggiungere l’aspetto attuale di un rettangolo leggermente irregolare.

L’aspetto da fuori è strepitoso, sembra catapultarti in un attimo in un’altra epoca, lontana dalla modernità attuale.

cristoglie danza macabra

La cosa però che più colpisce della Chiesa della Santissima Trinità di Cristoglie è sicuramente il suo interno. Tutto è completamente affrescato, dall’abside alle colonne, dal soffitto alle pareti anteriori. Gli affreschi del XV di Giovanni da Castua sono semplici e a volte un po’ grotteschi, ma di un fascino incredibile. Purtoppo dentro non si potevano scattare fotografie. Ho rispettato il divieto e mi sono goduta la bellezza del momento. All’interno, troviamo rappresentazioni della creazione del mondo, di Adamo ed Eva e della loro cacciata dall’Eden. Sulle pareti principali si trova invece la passione di Gesù, la sua morte e la sua resurrezione. Molto bello è anche l’affresco raffigurante i dodici mesi dell’anno, dalla semina al raccolto, dalla vendemmia alla macellazione del maiale. Mostrano un mondo nostalgico e autentico, così lontano da noi ma con delle tradizioni ancora vive, spesso tramandate di generazione in generazione.

danza macabra cristoglie

L’affresco. Photocredits: Alessandra del Gos – Flickr

La parte più interessante, però, è senza dubbio la danza macabra. Qui, le varie classi sociali danzano con gli scheletri, un monito per ricordarci la fragilità della vita e l’uguaglianza degli esseri umani di fronte alla morte. Questo affresco è di una bellezza disturbante, riesce ad affascinarti e a inquietarti allo stesso tempo. Molti turisti vengono da lontano solo per ammirare la danza macabra di Cristoglie, un vero culto per chi ama questo genere di dipinti.

cristoglie danza macabra

Particolare della danza macabra. Photocredits: andrea grigolo – Flickr

Arrivare a Cristoglie è piuttosto complicato, noi in macchina abbiamo dovuto girare un po’ prima di trovare il paese. Fortunatamente, la chiesa viene segnalata e a pochi chilometri dal centro cittadino c’è una stazione dei treni, anche se non saprei dirvi se ci siano dei collegamenti diretti dall’Italia.

L’entrata costa 3€. Normalmente c’è una sorta di custode che apre la porta della chiesa previa telefonata (il numero è indicato sul cancello delle mura). Noi abbiamo trovato aperto grazie ad alcuni turisti tedeschi. L’affresco viene spiegato tramite una voce registrata, che racconta la storia di questo affascinante monumento. La registrazione è in varie lingue, per noi l’ha messa prima in italiano poi in ungherese. Il signore vendeva anche del vino, abbiamo comprato una bottiglia di rosso, più per ricordo che per un vero e proprio bisogno. Ora che ci penso, devo ancora aprirlo!

cristoglie slovenia

Il piccolo centro di Cristoglie e il suo paesaggio

La Chiesa della Santissima Trinità di Cristoglie ha superato di gran lunga le mie aspettative, ho insistito tanto per inserirla nel nostro itinerario e fortunatamente ne è valsa la pena, è un luogo magico e unico.

Avete mai visitato un paese con meno di 200 abitanti? Aspetto le vostre risposte!

33 pensieri su “Cristoglie e la danza macabra

  1. Raf ha detto:

    Interessante! Sono nata a Udine e ci ho abitato fino ai 18 anni, frequentando abbastanza Slovenia e Croazia, ma questa chiesa non la conosco….Un motivo in più per programmare un rientro in Friuli!

    Mi piace

  2. L'OrsaNelCarro Travel Blog ha detto:

    Mammamia non sai in quanti libri ho visto l’illustrazione famosa della danza macabra *_* e vederla dal vivo dev’essere assai affascinante! Avevo letto della difficoltà di trovare il paese ma ne vale assolutamente la pena. La chiesa è tanto affascinante dentro quanto fuori strepitosa, sembrano le rovine di un antico maniero!
    Ma come 1,20 a pallina! O_o e 1 euro pure la panna?! Ti prego dimmi che almeno di sapore era celestiale a quel prezzo 😛

    Mi piace

  3. Celeste - *BeRightBack ha detto:

    Possibile che vi sia una ricostruzione della danza macabra all’interno del castello di Lubiana? Appena ho visto la foto, ho avuto questo flash di aver ammirato la stessa cosa, ma senza essere stata o essere a conoscenza di Cristoglie.
    Un’altra perla nascosta che ci hai fatto scoprire, grande Giulia :*

    Mi piace

  4. katyonabc ha detto:

    Questo è proprio il mio genere. Amo le chiese medievali affrescate e non solo. Sì, sono stata in un paese con meno di 200 abitanti. Da dove vengo io, Abruzzo, c’è Roccacaramanico, sulla Maiella, un paese dove per molto tempo pare che l’unica abitante sia stata un’anziana signora. Tutt’ora sono pochissimi, prevalentemente turisti 🙂

    Mi piace

  5. Beatrice ha detto:

    Ciao Giulia! Molto bella questa chiesa sia fuori che, da come ce la descrivi, dentro, danza macabra inclusa 🙂 Io vivo in un paesino di 900 abitanti…sicuramente più grande di Cristoglie ma pur sempre una piccola realtà che adoro profondamente 🙂

    Mi piace

  6. inworldshoes ha detto:

    Tu sai raccontare tutto in maniera così coinvolgente che mi appassiono anche alle bottiglie del latte scaduto, se mai dovessi parlarne.
    Questa danza macabra mi ha davvero colpito ma soprattutto quel che mi colpisce è il pensiero di quante cose non si conoscono, che varrebbe la pena visitare! Sappiamo che in Slovenia c’è Lubiana, Bled, Postumia e qualche altra perla… ma poi? Ottimo consiglio! ❤

    Mi piace

  7. lillyslifestyle ha detto:

    Non conoscevo questo gioiellino. La cosa che mi fa rabbia è come molte perle italiche siano sconosciute e come siano incapati di fare promozione territoriale.
    Poi ti chiedono 1€ per la panna….. spero ti abbiano regalato l’intera bomboletta di panna per questo prezzo. Mha…
    Critiche a parte, grazie per avermi fatto conoscere questo meraviglioso luogo.
    Bacini atlantici

    Mi piace

    • Giulia ha detto:

      Questo gioiellino è in Slovenia, però concordo, spesso si è incapaci di fare promozione territoriale 🙂 ahaha alla fine non l’ho preso il gelato, mi sono rifiutata! Baci romani!

      Mi piace

      • lillyslifestyle ha detto:

        hahahhaha ok la stanchezza è arrivata ai massimi limiti, oltre la dislessia pure questo. -_- Perdonami… forse sarà stato un lapsus freudiano da mancanza italica da oramai quasi un anno. Fatto benissimo con il gelato!!!

        Liked by 1 persona

  8. serenadami86 ha detto:

    Che paesaggio incantato! Sembra quasi un castello delle fiabe, se non fosse che il gelato costa troppove dentro c’è un dipinto con uomini che danzano con scheletri! 😉 ahahahah! Scherzi a parte, trovo l affresco pieno di energia e di autenticità! Non è forse la realtà delle cose??? Sembra uno di quei posti dove si puo perdere la cognizione del tempo cercando messaggi e simboli nascosti tra i particolari dei dipinti! 🙂

    Mi piace

  9. Katia - Il Miraggio Consigli di Viaggio e Arte ha detto:

    Quanto adoro questi luoghi! Non sono tanto appassionata di arte medievale ma credo che mi devo ricredere dopo aver visto spettacoli come la chiesetta che hai appena descritto.
    Credo che le rappresentazioni delle danze macabre siano soprattutto dell’area tedesca. Anche qua in Trentino, da dove vengo io, a Pinzolo c’è una chiesa affrescata con la danza della morte. Quando sono andata a leggermi il significato, mi si è aperto un mondo e non l’ho trovato più così macabro!

    Mi piace

  10. lisecharmel ha detto:

    che bellezza, grazie per aver condiviso con noi questa chiesa. la Slovenia mi affascina molto, anche se arrivarci da Milano è un po’ un traffico, ma prima o poi ci riuscirò e inserirò senz’altro questa chiesa nell’itinerario
    qui a Milano il gelato due gusti costa 2,60 quasi dappertutto 😦
    (la panna non saprei perché non la amo molto e quindi non ci guardo)

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...