#GermanInterrail: Cosa vedere a Weimar

Il nostro viaggio alla scoperta della Germania non si è certamente fermato con Erfurt. Dopo aver passato una mattinata in questa bellissima città, ci siamo recate a Weimar, a circa 20 km di distanza. Qui abbiamo scoperto qualcosa in più su questa città poco battuta della Germania dell’Est, spesso conosciuta più per i suoi fallimenti che per i suoi successi.

Weimar, come molti luoghi della Germania Orientale, è una città dalle molteplici facce. Una delle associazioni mantali più famose è sicuramente con l’omonima repubblica: la “Repubblica di Weimar” fu, infatti, un tentativo purtroppo fallita di democrazia liberale in Germania, durato dal 1919 al 1933, anno dell’ascesa di Hitler.
Nonostante spesso venga ricordata per la sua vicinanza al campo di concentramento di Buchenwald, non bisogna dimenticarsi che Weimar fu un centro culture importantissimo a livello mondiale: qui vissero Bach, Goethe, Wagner, Nietzsche e Schiller e soprattutto Weimar fu la città natale della scuola architettonica Bauhaus.

Anche qui, però, possiamo notare come il pragmatismo e la caparbietà tedesca,abbiano trasformato una città dal passato ambiguo come Weimar in un vero e proprio patrimonio dell’umanità.

cosa vedere weimar

Weimar

Uno dei luoghi più particolari della città è sicuramente il Parco di Goethe (o Ilmpark, in tedesco), un enorme polmone verde che costeggia una buona parte dell’Altstadt. Il parco, come facilmente intuibile, venne realizzato da un’idea dello scrittore tedesco, che acquistò il terreno e iniziò a modificare il tutto a suo gradimento. Dentro questo parco c’è veramente l’imbarazzo della scelta: oltre alla casa di Goethe, qui troverete ponti, piccole cascate, ville, una casa romana ricostruita, monumenti e busti dedicati ai grandi nomi della letteratura – come Shakespeare, Petőfi e Puschkin – e chi più ne ha più ne metta. La cosa bella, però, è che l’area dove si estende questo virtuoso giardino è molto grande e le opere sono posizionate in maniera armoniosa, senza risultare un potpourri senza senso.

cosa-vedere-weimar3

cosa-vedere-weimar7

Uno dei ponti e la casa-giardino di Goethe in lontananza

Ovviamente, per non farsi mancar niente, nella parte nord del parco sorge il castello di Weimar. La struttura è molto antica, sembra fu costruita addirittura nel VI secolo. Nel tempo, complici vari incendi e demolizioni, il castello subì diverse mutazioni, fino a raggiungere l’aspetto attuale. Dopo l’abdicazione dell’ultimo Granduca di Sassonia Guglielmo Ernesto, nel 1918, questa elegante residenza divenne prima la sede del nuovo governo – la già menzionata Repubblica di Weimar – poi nel 1923 venne ufficialmente trasformato in un museo.

cosa-vedere-weimar5

Il castello di Weimar e la sua caratteristica torre tra gli alberi

Come già accennato, Weimar pullula di patrimoni dell’UNESCO. Infatti, si è deciso di riunire ben 11 monumenti sotto il nome di Klassisches Weimar e di inserirli nell’ambita lista di patrimoni dell’umanità. Oltre ai già nominati Castello di Weimar, Ilmpark e Casa di Goethe, una menzione speciale va sicuramente alla Herderkirche o Chiesa di San Pietro e Paolo, una bellissima e sobria costruzione gotica, considerata la chiesa più importante della città.

cosa vedere weimar

La chiesa di Pietro e Paolo vista da un’altra prospettiva

Se siete appassionati di architettura Bauhaus, Weimar è la città perfetta per voi. Le costruzioni più famose, inseriti tra i patrimoni dell’UNESCO, sono la Haus am Horn, situata poco fuori l’Ilmpark e i due edifici principali dell’Università di Weimar.

Un sito che purtroppo non sono riuscita a vedere è il Castello Belvedere, situato leggermente fuori città. Costruito come residenza estiva del duca Ernesto Augusto I di Sassonia, oggi il castello è adibito a museo e di tanto in tanto ospita dei concerti organizzati dal Conservatorio Franz Liszt. Tra l’altro, piccolo off topic, la parola “liszt” in ungherese vuol dire farina.

cosa vedere weimar

In mancanza del castello Belvedere, vi lascio un’altra immagine dell’Ilmpark

Ah, quasi dimenticavo: la Turingia, regione di Weimar ed Erfurt, è famosa per le sue belle salsicciotte, i cosidetti Thüringer Rostbratwurst. Queste salsicce da arrostire, provviste di IGP, si trovano solamente in questa parte della Germania. Sinceramente, da profana e da persona che mangia pochissima carne di maiale, non saprei dirvi quali sono le differenze con gli altri bratwurst, ma mi fido dei nostri cugini teutonici e ve le consiglio vivamente, soprattutto con la senape dolce!

Sarò sincera al 100%: Weimar non mi ha entusiasmato più di tanto. Sicuramente la città è bella ed elegante, ma l’ho trovata un po’ fredda e distaccata, come fosse una donna bella e piacente senza però un briciolo di personalità o di anima. Averla visitata dopo Erfurt ha sicuramente influito parecchio. A distanza di anni, non riesco a ricordare qualcosa che mi faccia dire “Ah, Weimar, che bella!”. Se mai dovessi ricapitare da quelle parti, proverò a darle una seconda possibilità.

Vi è mai capitato di provare una sensazione simile? Con quale città?

#GermanInterrail, tappe precedenti:

  1. Norimberga
  2. Dresda
  3. Erfurt
  4. Weimar
  5. Coming soon!

15 pensieri su “#GermanInterrail: Cosa vedere a Weimar

  1. L'OrsaNelCarro Travel Blog ha detto:

    Mh peccato, forse come dici tu non ne hai subito il fascino per via della visita precedente a Erfurt. Capita eccome, molto dipende dallo stato d’animo, dal clima, dalla stanchezza del viaggio, dal fatto che molte città si somigliano. Ma la casa di Goethe *_* l’hai vista internamente?

    Mi piace

  2. Alessia ha detto:

    La Repubblica di Weimar non avrebbe potuto conoscere fine più tragica…Con l’ascesa di Hitler potremmo essere di fronte al più grande Epic fail della storia…😂 Non avevo capito che non ti fosse piaciuta come città finché non sono arrivata alla fine dell’articolo. A me è capitato nella Foresta Nera, a Baden-Baden. Elegante, sobria, ma fredda come il ghiaccio.
    Ciao cara, ti abbraccio!

    Mi piace

  3. Sa ha detto:

    Un posto della Germania che io trovo incantevole e vorrei suggerirti, è Friburgo, nella zona sud ovest, nella regione del Baden. La foresta Nera per me è uno dei posti più magici in assoluto…

    Mi piace

  4. giusymar ha detto:

    Mi hai fatto fare un tuffo nel passato! Accipicchia!!! Da molto tempo non sentivo “parlare” di Weimar.
    Ho frequentato l’Università di Weimer nella lontana estate del 1984. Il Goethe Institut di Torino organizzava gemellaggi e così andai a studiare tedesco nella DDR.
    Weimer era bellissima ed allo stesso tempo molto triste. nei negozi non c’era nulla. Ma studenti e professori ci accolsero a braccia aperte. Ci chiesero di cucinare piatti tipici del nostro paese, volevano saper, conoscere. Allora non compresi minimamente cosa stesse succedendo in quella terra a me sconosciuta. Per telefonare dovevamo recarci alle poste e chiedere un permesso. Potevano anche non accettare, ma io fui fortunata.
    Sul treno all’arrivo alla partenza fummo scortati dalla Polizia. Fecero passare i cani sopra, sotto e dentro il treno….una situazione surreale.
    La moneta della DDr non si poteva acquistare al di fuori della Germania dell’Est e non poteva essere portare al di fuori del paese.
    Tutte regole e leggi che non comprendevo.
    Lo feci solo molto più tardi, studiando la storia.
    Le lettere che scambia con il mio professore dell’Università venivano aperte, lette e censurate. Nessuno era libero di fare, pensare, sognare.
    Ci portarono a visitare Berlino Est ed un giorno anche Buchenwald. Fu una giornata terribile. Ricordo tutto, persino i sassi.

    Mi piace

    • Giulia ha detto:

      Mamma mia, apprezzo moltissimo questa testimonianza. Veramente allucinante, dalle telefonate con autorizzazione alla posta intercettata. Weimar sarà sicuramente cambiata, adesso è tutta un’altra città. Ho vissuto a Lipsia e ho avuto modo di visitare alcuni luoghi ex DDR e non sono certamente posti dove ci si va a cuor leggero. Posso chiederti com’era Berlino Est?

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...