6 curiosità sulla Georgia

Come ben sapete, adoro la Georgia. Ho decantato questo paese in tutte le salse: vi ho raccontato la sua frizzante capitale, vi ho fatto pregustare un po’ di cibo georgiano e vi ho persino raccontato qualche disavventura con protagonisti baffuti. Oggi vorrei raccontarvi qualche curiosità di questo meraviglioso paese, che spero sempre di rivedere un giorno.

Partiamo da un semplice presupposto: un viaggio in Georgia vi catapulterà in un altro mondo. Questo stato caucasico dalla forma simpatica e dal cibo squisito, ha una storia e una cultura da far invidia a chiunque. Ho cercato di raccogliere qualche curiosità particolare e potenzialmente interessante per chi non conosce questa zona. Spero di farvi scoprire nuovi aneddoti e di invogliarvi a visitare questo fantastico paese.

Ecco 6 curiosità sulla Georgia e sui georgiani:

Alfabeto georgiano
L’alfabeto georgiano è letteralmente unico al mondo, usato solo in questa piccola ma carismatica lingua di terra. L’attuale sistema di scrittura, dalle simpatiche lettere arrotondate e sinuose, è il frutto in realtà di tre diversi alfabeti, evoluti e modificati nel tempo sino a formare le lettere che conosciamo oggi. Anche la lingua georgiana presenta delle peculiarità non indifferenti, non essendo imparentata con nessun’altra famiglia linguistica. Un vero e proprio tesoro da conservare gelosamente! Non a caso, il sistema alfabetico georgiano è stato inserito nei Patrimoni orali e immateriali dell’Unesco.

 

curiosità georgia alfabeto georgiano

Il mitico alfabeto georgiano

 


Stalin
Della serie “Georgiani famosi”. Stalin è indubbiamente – e aggiungerei tristemente – il georgiano più celebre a livello internazionale. Iosif Vissarionovič Džugašvili nacque a proprio Gori, cittadina della Georgia centrale. La sua famiglia era molto povera, il padre violento e da piccolo soffrì di salute cagionevole, tanto che un braccio gli rimase perennemente semi-paralizzato. Tutte queste informazioni sulla sua vita personale e sulla sua infanzia, si trovano nel museo a lui dedicato a Gori, la sua cittadina natale. Qui è possibile anche visitare l’umile casa dei genitori.
Ah, come avrete probabilmente intuito “Stalin” non è altro che un soprannome: in russo, ha un significato simile a “uomo d’acciaio”.

 

curiosità georgia stalin

La casa natale di Stalin a Gori – Photocredits: Panegyrics of Granovetter

 

 


Guida a destra, volante a destra
Nonostante in Georgia la guida “convenzionale” si esattamente come la nostra, non è insolito vedere sfrecciare macchine con il volante a destra. Una vera e propria confusione! Il motivo ce l’ha spiegato il proprietario del B&B dove abbiamo soggiornato a Kutaisi, in un incredibile misto tra spagnolo e russo (dopo quella conversazione il mio cervello si è preso una meritata pausa di una settimana): le automobili importate dal Giappone sono nettamente più conveniente rispetto a quelle europee. Misteri caucasici.

 

georgiani curiosità guida

Come mi immagino i georgiani ogni volta che salgono in macchina

 


Nino è un nome da donna
Il nome “Nino” mi fa venire in mente un simpatico signore del Sud Italia o addirittura l’indimenticabile Nino Manfredi. Per i georgiani, invece, Nino è il nome femminile più diffuso. Santa Nino, infatti, introdusse il cristianesimo in Georgia ed è tutt’oggi una delle figure più venerate e celebrate del paese. Normalmente, la si può riconoscere nei dipinti e negli affreschi da due particolarità: ha in mano una croce di tralci di vite con le estremità orizzontali leggermente curvate verso il basso, tenuta insieme dai lunghi e folti capelli neri della santa.
Un’altra curiosità sul questo nome: vi ricordate la statua di Ali e Nino a Batumi?

 

curiosità sulla Georgia santa nino

L’icona di Santa Nino – Photocredits: konapedia.com

 

 

curiosità georgia ali e nino

Statua di Ali e Nino, Batumi

 

Vino georgiano
La vite in Georgia è un vero e proprio culto religioso, come abbiamo appena visto con la storia di Santa Nino. In questo paese, grazie alle sue zone estremamente fertili e al suo ottimo clima, la coltivazione della vite è una delle pratiche agricole più diffuse. Secondo alcuni studi, già 6000 anni fa ci si dedicava a tempo pieno alla viticoltura, mentre le “prima prove” di una bevanda simile al vino risalgono addirittura al 10000-9000 a.C. Persino Omero cita il profumo del vino locale nella sua Odissea! La particolarità del vino georgiano, però, sta soprattutto nel suo metodo di produzione: il mosto (spesso insieme alle vinacce) viene fatto fermentare in delle grandi anfore di argilla chiamate kvevri, successivamente interrate e conservate a una temperatura standard intorno ai 15°. Il vino, sia bianco sia rosso, è leggermente dolciastro, dalla gradazione importante.

 

curiosità georgia vino

Vinello di arrivederci a Kutaisi

 


L’amore per il cibo
I georgiani amano il cibo in una maniera viscerale e impressionante, noi italiani sembriamo quasi dei dilettanti a confronto. Per loro mangiare, oltre che un piacere, è un momento di comunione e condivisione, grazie anche alla loro natura socievole. Non a caso, la statua raffigurante “La madre della Georgia” ha in mano sia una spada sia una coppa di vino, proprio per rimarcare l’enorme ospitalità georgiana. Penso di averlo ripetuto 1000 e più volte, io amo il cibo georgiano, è il mio preferito subito dopo quello nostrano. Gli ingredienti sono semplici e freschi, i sapori decisi e le porzioni degne di un’italiana affamata!

 

curiosità georgia cibo

Da sinistra: imeruli, khachapuri, polpette di carote/barbabietola e noci e involtini di melanzane ripieni di formaggio fresco

 

Conoscete qualche altra curiosità sulla Georgia? Aspetto le vostre risposte!

27 pensieri su “6 curiosità sulla Georgia

    • Sì, forse per i vegani è un po’ complicato, prova a guardare in questo sito qua: http://georgianrecipes.net/ il “lobio” o “lobiani” potrebbe essere un’idea, anche lo stufato di melanzane! Ho scritto anche un post sul cibo georgiano e sui loro dolci strepitosi, per la maggior parte senza latte e uova 🙂

      Mi piace

  1. Bello e altrettanto curioso l’alfabeto! Chissà le prescrizioni mediche scritte con quei caratteri? 😛 Mi hai messo molta curiosità sul cibo, addirittura lo metti al secondo posto dopo l’Italian Food? Dev’essere spettacolare allora! Quindi sui nomi in Georgia crollano le certezze? Sto immaginando una coppia in cui lei si chiami Nino e lui Sasha 😀 😀
    Ciao!

    Mi piace

  2. Te l’ho già detto in qualche altro articolo ma lo riscrivo : adoro questi articoli pieni di curiosità, mi divertono tanto e mi fanno conoscere nuove cose su paesi che conosco già molto poco!
    Grazie mille!
    Ho riso troppo sulla foto dei georgiani che entrano in auto…. ahahahah 😀

    Mi piace

  3. Leggevo e poi.. eccomi lì con una matita e un foglietto a provare come veniva scritto il mio nome è quello di Massimo!!
    Al terzo tentativo mi è sembrato che fosse finalmente carino!!
    Infantile eh? 😂

    Mi piace

  4. Pensa che le anfore le sperimentano anche diversi produttori di vino italiani, anche molto noti, e le importano con grandi difficoltà proprio dalla Georgia!
    E’ un Paese che sicuramente vorrei visitare, anche per passione enologica (ma non solo!)

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...