roma street art tor marancia

Cosa vedere a Roma: street art a Tor Marancia

Quando torno nella mia città natale, cerco sempre di scoprire qualcosa di nuovo. Quando è stato lanciato il progetto di riqualificazione urbana di Tor Marancia, ero già a Budapest da un annetto abbondante. Tra una cosa e l’altra, non sono mai riuscita a fare un giro come si deve in questo quartiere e a godermi un po’ di sana street art. Per questo, qualche settimana fa, mi sono presa un paio d’ore libere e sono andata a Tor Marancia a scattare un po’ di foto.

Fino a qualche anno fa, Tor Marancia non era proprio un quartiere ambito. Questa zona, incastrata tra l’ex Fiera di Roma e il Parco della Caffarella, è sempre stata storicamente disagiata e non godeva certamente di una buona nomea. Durante il fascismo, qui le persone vivevano in condizioni di degrado, tra baracche pericolanti, allagamenti frequenti e servizi primari totalmente inesistenti. Nel secondo dopoguerra, invece, iniziò la costruzione di case popolari, che per quanto oggi ci regalino un fascino d’altri tempi, rimangono sempre abitazioni con una serie di problematiche non trascurabili

roma street art tor marancia

Murales a Tor Marancia

Dal 2015, però, Tor Marancia ha fatto un vero e proprio salto di qualità, arrivando persino ad attirare turisti stranieri e appassionati d’arte. Il progetto Big City Life ha coinvolto diversi artisti di strada romani e internazionali, dipingendo stupefacenti opere d’arte sulle facciate del complesso di case popolari di via di Tor Marancia 63. Da storica borgata con numerosi problemi, Tor Marancia è diventata un centro d’arte urbana non indifferente nel panorama romano.

Purtroppo non sono riuscita a fotografare tutti i murales, non volevo disturbare le famiglie al parco o i ragazzi che giocavano a pallone. Ne ho selezionati alcuni, i miei preferiti.

“Il bambino redentore” di Seth

roma street art tor marancia

“Il bambino redentore”

Questo è uno dei più famosi, visibile anche dalla strada. Nel murales vi è ritratto un bambino di spalle, che guarda l’orizzonte su una scala colorata. Sembra che l’opera sia stata ispirata dalla vicenda di Luca, bambino nato e cresciuto a Tor Marancia, morto tragicamente mentre giocava a pallone con i suoi amici. Inizialmente credevo fosse un disegno più spensierato, mentre ora sapendo il risvolto drammatico ci vedo quasi una nostalgia non proprio velata.

“Il peso della storia” di Jaz

roma street art tor marancia

I due lottatori di Jaz

Anche qui, il significato non è come sembra. Questo murales ritrae due lottatori, uno argentino come l’autore e l’altro italiano. I due uomini, in questa posizione, rappresentato proprio il forte legame che c’è tra i due paesi, quasi l’uno sia sostegno e allo stesso tempo fardello dell’altro.

“Hic Sunt Adamantes” di Diamond

roma street art tor marancia

Stile liberty, davvero originale

Il murales di Diamond mi ha colpito molto per il suo stile art nouveau, sembra quasi una stampa del ceco Mucha. Il drago in stile cinese raffigurato sotto la figura femminile è un richiamo al soprannome storico della zona: Tor Marancia era infatti conosciuta come “Shanghai”, per via dei suoi numerosi allagamenti.
Questo è sicuramente uno dei miei preferiti, adoro l’atmosfera liberty, non certamente comune tra le opere urbane.

“Humanity Constellation” di Philippe Baudelocque

roma street art tor marancia

La mano stellata

Un’enorme mano decorata con delle costellazioni stilizzate su uno sfondo nero. Quest’opera dell’artista francese Philippe Baudelocque è un chiaro richiamo all’universo e alle moltitudini di uomini che abitano il nostro pianeta. Chissà cosa intendeva esattamente l’autore, magari ricordarci come siamo piccoli rispetto al mondo celeste? Chissà!

“Rinnovamento, Maturità” di Gaia

roma street art tor marancia

Particolare, ricorda molto De Chirico

L’autore di questo murales, al secolo Andrew Pisacane, è stato definito da Forbes come uno dei più influenti street artists statunitensi. Effettivamente quest’opera è di una bellezza sconvolgente, richiama quasi le forme di Giorgio de Chirico. Il busto, invece, ricorda quasi una delle teste dello Stadio dei Marmi e richiama molto probabilmente il periodo storico della nascita di Tor Marancia: fu edificata, infatti, a seguito degli sventramenti di Roma voluti da Mussolini per realizzare alcune sue opere, tra cui Via della Conciliazione.

“Assolo” di Danilo Bucchi

roma street art tor marancia

“Assolo”

Uno schizzo, un volto abbozzato su un foglio bianco. Ecco l’opera dell’artista romano Danilo Bucchi, che colpisce subito per la sua complessa semplicità.

“Il Ponentino” di Pantonio

roma street art tor marancia

Sembrano quasi in movimento

L’artista portoghese Pantonio ha voluto immortale sui muri romani una moltitudine di creature marine, che si muovono in maniera fluida tra le finestre del palazzo. Visto dal vivo è molto suggestivo e di impatto, sembra quasi i pesci nuotino veramente!

“Distanza Uomo Natura” di Jerico

roma street art tor marancia

Le due dita quasi in contatto

Dopo De Chirico, troviamo un altro richiamo artistico: due dita che si sfiorano, esattamente come Dio e Adamo nella famosa opera di Michelangelo. Vista l’ambientazione floreale, probabilmente le due dita rappresentano l’uomo e la natura, in eterno contatto ma allo stesso tempo sempre distanti.

“Talking like a Waterfall” di SotOne

roma street art tor marancia

Per SotOne noi romani litighiamo così!

La genesi di quest’opera è singolare. L’artista tedesco ha infatti voluto rappresentare una lite di quartiere. Per questo le forme sono spigolose e frettolose, nonostante i colori siano allegri e forti. SotOne ha tradotto in pittura l’animata litigata all’italiana, con urla, gesti ed espressioni colorite. Originale!

“Natura Morta” di Reka

roma street art tor marancia

Gli immancabili panni stesi

Un murales ispirato alle opere di Pablo Picasso. Mi piace soprattutto il contrasto con i panni stesi fuori, fanno molto italiana rustica e popolare.

“Io sarò” Van Helten

roma street art tor marancia

Il bambino dallo sguardo fermo e triste

L’artista olandese ha voluto ritrarre il volto di un bambino, dallo sguardo profondo e anche un po’ malinconico. Sembra quasi un bambino d’altri tempi, un abitante della borgata che ha visto la zona mutare completamente in poco più di 100 anni.

“Piramide” di Best Ever

roma street art tor marancia

L’abbraccio

Un abbraccio romantico e visto che siamo a Roma direi anche multietnico. Il fatto che il volto della donna sia visibile mentre quello dell’uomo sia stilizzato mi ricorda un po’ Klimt e le sue figure femminili sempre bellissime e affascinanti.

“Welcome to Shanghai” di Caratoes

roma street art tor marancia

Welcome to Shanghai!

…e infine “Welcome to Shanghai”, lo storico soprannome della borgata Tor Marancia. La maschera cinese dai quattro occhi tiene in mano una lupa, simbolo di Roma. Un chiaro richiamo al collegamento Tor Marancia-Shanghai ma anche tra Oriente e Occidente.

Spero vi sia piaciuto questo viaggio nella street art romana! Quale opera vi ha colpito di più?

16 pensieri su “Cosa vedere a Roma: street art a Tor Marancia

  1. Alessia ha detto:

    Bello questo progetto, Big City Life. Anche la zona di Primavalle è stata interessata da opere di street art meravigliose. Mi piacciono tutti lavori di Tor Marancia, soprattutto ora che ne hai svelato la storia, ma trovo particolarmente potente Io Sarò di Van Helten. Quel bambino sembra uscito da un romanzo di Pasolini…

    Mi piace

  2. fleurerose ha detto:

    Bellissimi! Proprio ieri alla “Galleria d’arte moderna” di via Crispi, stavo vedendo le foto dello sgombero dei baraccati di Tor Marancia negli anni cinquanta. Quante cose sono cambiate… Nel volto di quelle persone si leggeva l’atmosfera di quegli anni. Oggi è diventato un quartiere di tendenza. Questo dimostra quanto l’architettura sia viva, s’intersechi e “respiri” insieme alla vita delle persone.

    Mi piace

  3. Katja ha detto:

    Ma che meraviglia questi murales: sono tutti bellissimi! La street art rende davvero tutto più bello e sono contenta che i vari enti cerchino di sfruttare l’arte per valorizzare zone della città non tanto belle! Anche Trento, dove vivo, si sta muovendo in questo senso.

    Quelli che adoro di più del tuo post? Quello in Stile Liberty e il bambino di spalle!

    Mi piace

  4. anna ha detto:

    Ma che belli questi murales, mi hai portata dritta dritta verso una Roma che non conoscevo e che non avrei mai pensato esistesse. Bellissima. Pensa se tutte le città avessero angoi così, colorati e artistici, l’Italia sarebbe ancor più affascinante.

    Mi piace

  5. Rivogliolabarbie ha detto:

    Senza alcun dubbio voto i murales di Diamond e Van Helten, ti rapiscono lo sguardo! Apprezzo molto quando quartieri periferici come Tor Marancia vengono scelti per queste iniziative di rinnovamento urbano (se così vogliamo chiamarlo – non saprei come definirlo altrimenti): Roma è senza alcun dubbio una città di infinita bellezza ma non si deve limitare solo ed esclusivamente al suo centro storico (che poi, come definire il centro di Roma?) 😅

    Mi piace

  6. raffigarofalo ha detto:

    Sono affascinata dai murales. Trovo che i progetti di riqualificazione che contemplino anche l’arte siano a cosa meglio pensata e riuscita dei nostri tempi. Ogni volta che visito una città cerco sempre di andare a visitare anche le aree dove si trovano i murales. Questa non la conoscevo. Farò di tutto per colmare questa lacuna il prossimo viaggio a Roma che farò. Grazie di averlo condiviso.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...