cosa vedere albania butrinto

Cosa vedere in Albania: Butrinto

Il sito archeologico di Butrinto è sempre stato uno dei miei sogni nel cassetto. L’anno scorso volevo persino inserirlo nei #TravelDreams (a proposito, è quasi ora di stilare i buoni propositi per il 2018!), ma ho dato precedenza ad altre mete. Fortunatamente quest’anno ce l’ho fatta, sono riuscita a vedere questa meraviglia in una splendida giornata di sole.

Definire Butrinto “solo” un sito archeologico forse è un po’ riduttivo, vista l’enorme importanza della città in passato e vista la varietà di flora e fauna presente nell’omonimo parco nazionale. Insomma, è un luogo meraviglioso, dove spendere qualche ora in tutta tranquillità, tra natura e passato glorioso.

Il 4 novembre in Albania persino una Miss Freddolosa come me è riuscita a mettersi in maniche corte. Quel sole mi ha scaldato corpo e cuore, è stata una vera e propria botta di vita. Com'è il tempo da voi? Qua a Budapest è arrivato il freddo vero, ormai pure l'autunno ci sta salutando 😀 4th of November in Albania, usually I'm always cold but that day the sun was incredible, I had to take off my jumper. That kind of heat warms my heart 😀 – – #butrint #butrinto #buthrotum #albania #shqiperia #igersalbania #ig_albania #visitalbania #ilovealbania #loves_united_albania #explorealbania #balkan #natgeobalkan #balkans #balcani #viaggiarecongliocchiali #loves_united_nature #loves_united_landscape #adriaticsea #fortress #water_captures #igersinposa #albania_explore #exploremore #passionpassport #riflessisullacqua #ig_shqiperia

A post shared by Giulia (@viaggiarecongliocchiali) on

Un po’ di storia

Butrinto è una città mitica, tra storia e leggenda. Partiamo proprio da quest’ultima: secondo Virgilio, infatti, la città venne fondata dall’indovino Eleno, figlio del re troiano Priamo, dopo la caduta della sua città natale. Non a caso, anche Enea – eroe protagonista dell’Eneide – visitò questo splendido insediamento durante la sua fuga da Troia

Storicamente, Butrinto è antichissima: i primi resti archeologici risalgono a un lasso di tempo che va dal X all’VIII secolo a.C., in pratica quasi 3000 anni fa. Successivamente, Butrinto venne battezzata Buthrotum e annessa all’impero romano.

 

 

cosa vedere albania butrinto

Le rovine delle terme romane

 

 

Nel V secolo, invece, Butrinto era il vero e proprio gioiellino dell’Impero Bizantino. Non a caso, due delle strutture più belle sono proprio il Battistero – con uno splendido mosaico purtroppo coperto per via delle piogge dei giorni precedenti – e la Grande Basilica. Purtroppo, però, questo periodo di fasti e splendori fu seguito da un altrattento lungo momento di pura decadenza, dove la città perse la sua importanza storica e strategica. Il declino durò parecchi secoli, con una breve parentesi positiva grazie ai veneziani, che fortificarono la città costruendo mura e torri.

 

 

cosa vedere albania butrinto

Il battistero. Purtroppo il mosaico è coperto per via delle forti piogge dei giorni precedenti

 

 

Butrinto venne poi conquistata nel 1899 da Alì Pascià di Telepeni (ve lo ricordate? Ne avevo parlato qui) e divenne ufficialmente parte dell’Albania nel 1912. In quegli anni, il sito archeologico era allo stato brado, completamente abbandonato.

I primi veri e proprio scavi archeologici iniziarono solo nel 1928, per volere del governo fascista italiano. Lo scopo principale non era propriamente scientifico, bensì politico: Mussolini puntava all’egemonia italiana in Albania. L’archeologo a capo del progetto, Luigi Maria Ugolini, riportò alla luce alcune delle meraviglie che vediamo ancora oggi, testimoniando così l’importanza strategica e culturale della città di Butrinto.

 

cosa vedere albania butrinto

Torre veneziana

 

Durante il lungo e tormentato periodo comunista, gli scavi vennero interrotti e banditi. Una volta caduto il regime le possibili strade da percorrere erano due, diametralmente opposte: lasciare che Butrinto fosse inghiottita dal degrado e saccheggiata dai ladri di reperti, o far sì che un luogo magico come questo possa essere effettivamente riconosciuto come patrimonio, sia dalle comunità locali sia da quelle internazionali. Dopo un breve periodo di incertezza, fortunatamente la scelta ricadde sulla seconda opzione. Non a caso, Butrinto fu il primo sito albanese aggiunto ai patrimoni dell’umanità dell’UNESCO.

 

cosa vedere albania butrinto

La Dea di Butrinto e il canale di Vivari

 

Cosa vedere in Albania: Butrinto

Butrinto è un luogo magico, penso di averlo già ribadito più volte. Ma fidatevi, lo è davvero. Le rovine sono totalmente immerse nella natura, nell’omonimo Parco Nazionale che ospita diverse specie animali più uniche che rare. La penisola di Butrinto è circondata dall’acqua dolce del canale di Vivari, che sfocia direttamente nel Mar Adriatico. Davvero incredibile.

 

cosa vedere albania butrinto

L’incredibile paesaggio

 

Per visitare il parco ci vogliono almeno un paio d’ore, se non addirittura tre. C’è tanto da camminare, ma non ci sono passaggi particolarmente ripidi o complicati, si può visitare tranquillamente con i bambini o se non si è particolarmente allenati. A novembre, il sito era quasi vuoto, nonostante la splendida giornata di sole, ma vi consiglio di andarci la mattina presto, in modo da evitare folla e caldo.

La parte più bella del sito secondo me? Non saprei, devo dire che ho amato tutti i particolari, uno a uno. Diciamo che da brava romana, l’anfiteatro ha suscitato in me particolari emozioni.

 

cosa vedere albania butrinto

L’anfiteatro e il mio compagno stile lucertola


Ingresso:
700 lek per i non albanesi, circa 5,50€.

Qual è il vostro sito archeologico preferito? Aspetto le vostre risposte!

2 pensieri su “Cosa vedere in Albania: Butrinto

  1. Silvia - The Food Traveler ha detto:

    Ma quanti posti favolosi ci sono in Albania? Purtroppo è una meta che non viene ancora presa molto in considerazione. Spero di riuscire ad andarci prima che venga presa d’assalto dal turismo di massa!
    Per rispondere alla tua domanda, a me aveva lasciato senza parole la valle dei templi di Agrigento 😍

    Mi piace

  2. L'OrsaNelCarro Travel Blog ha detto:

    Oddio è già tempo di Traveldreams che ansia! 😛
    Davvero notevole l’area archeologica e poi quel belvedere sul mare per un attimo (ma proprio un attimo) mi ha ricordato Ravello *_*
    Il mio sito preferito è Paestum per ovvi motivi: primo perché è praticamente dietro casa mia e poi perché c’è tanta tanta mozzarella! Mozzarella everywhere anche fra le colonne dei templi 😛
    Un caro saluto!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...