libri ambientati negli stati uniti

10 libri ambientati negli Stati Uniti

Visto che il post sui 10 libri ambientati in Africa ha avuto un discreto successo, lo ripropongo con un altra area geografica altrettanto vasta: gli Stati Uniti d’America. Sceglierne solo 10 è stato più difficile del previsto. Cercherò di spaziare tra passato e presente, tra nord e sud, tra est e ovest, tra dramma e risate. Ho tentato anche di evitare i “grandi classici” (e ho sofferto nel farlo, come nel caso di “Furore”!), sperando di farvi scoprire qualche nuovo titolo o autore affine ai miei gusti.

Ecco 10 libri ambientati negli Stati Uniti:

joyce carol oates una famiglia americanaJoyce Carol Oates – Una famiglia americana

Ho letto questo libro qualche anno fa e l’ho trovato di una bellezza delicata e struggente. I Mulvaney sono una famiglia perfetta: padre, madre e quattro figli. Vivono in un’incantevole fattoria nello stato di New York e sono invidiati da tutto il vicinato. La notte di San Valentino del 1976, però, accade un “incidente” – come viene definito dalla famiglia – all’unica figlia Marianne. Dopo il fatto drammatico, la vita dei Mulvaney non sarà più la stessa, ognuno di loro dovrà combattere una battaglia interna per superare quanto vissuto – rabbia, vergogna, allontamento, vendetta e riconciliazione. Un racconto che entra sotto la pelle.

kathryn stockett l'aiutoKathryn Stockett – L’aiuto

Probabilmente conoscerete il film “The Help”, con un cast femminile davvero stellare. Il libro è altrettanto bello, se non ancora più emozionante. Skeeter è una ragazza bianca borghese con un’ambizione ben chiara nella vita: vuole diventare una scrittrice. Dopo essersi laureata, torna nella sua città natale in Mississippi per fare carriera, ma non riesce a trovare il suo posto in quella realtà per lei chiusa e retrograda. Stringe amicizia con le governanti nere delle case più ricche e inizia con loro un progetto segreto e pericoloso: scrivere un libro nudo e crudo sulle loro vite difficile e oppresse. Bello, ironico e toccante.

joe r lansdale la sottile linea scuraJoe R. Lansdale – La sottile linea scura

Se dovessi indicare il mio scrittore preferito in assoluto, probabilmente propenderei propro per Joe R. Lansdale. La maggior parte dei suoi libri sono ambientati nel Texas orientale e sono dei veri e propri romanzi di formazione. In questo caso, il protagonista è un ragazzo di 13 anni si scontrerà con le bruttezze della vita, in particolare l’abuso domestico e il razzismo. Le vicende, infatti, si svolgono nel 1958 nel profondo Sud degli Stati Uniti, non certamente il posto più progressista all’epoca. Lo stile di Lansdale è ironico e pungente, riesce perfettamente a raccontare i tristi episodi visti dagli occhi innocenti di un giovane adolescente.

harper lee il buio oltre la siepeHarper Lee – Il buio oltre la siepe

Uno dei miei libri ambientati negli Stati Uniti preferito, se non addirittura quello che amo di più. La sinossi del romanzo è ormai famosa, anche grazie al bellissimo film con protagonista Cary Grant. Ci troviamo in Alabama, all’inizio degli anni ’30, in piena Grande Depressione. La storia è narrata dal punto di vista di Scout, vispa e intelligente figlia di Atticus, un avvocato affettuoso e sensibile. La vita della famiglia Finch cambia radicalmente quando il capofamiglia decide di accettare l’incarico di avvocato difensore di un bracciante nero, ingiustamente accusato di stupro. Un romanzo da leggere, per riflettere. Perché quei tempi bui sembrano non essere del tutto spariti dal mondo moderno.

jonathan safran foer molto forte incredibilmente vicinoJonathan Safran Foer – Molto forte, incredilmente vicino

Avvertenza: questo libro fa piangere. Tanto. Oskar Schnell è un bambino particolarmente intelligente e fantasioso con vuoto che non può colmare: ha perso il padre durante l’attentato alle Torre Gemelle. Un giorno, curiosando negli oggetti appartenuti a suo papà, trova una chiave misteriosa. Pensando che si tratti di una caccia al tesoro, Oskar inizia a girovagare per New York alla ricerca di indizi. Oltre alla vicende del bambino, il romanzo riporta anche la storia della famiglia Schnell, fuggiti dalla Germania subito dopo la Seconda guerra mondiale.

Se invece preferite un romanzo sulla storia della Grande Mela, vi consiglio il bellissimo New York di Edward Rutherfurd, già recensito tempo fa.

erskine caldwell la via del tabaccoErskine Caldwell – La via del tabacco

Questo è un romanzo piuttosto strano e grottesco. Nonostante le premesse, mi è piaciuto e penso serva a comprendere uno scenario degli States meno noto: la vita dei contadini poveri nel profondo Sud nei primi decenni del ‘900. I Lester, infatti, vivono in Georgia e sono terribilmente poveri, principalmente perché il capofamiglia Jeeter insiste nel voler coltivare la sua terra disastrata invece di andare a lavorare in una filanda di cotone e gudagnare un salario dignitoso. Nel mentre, conosciamo anche gli altri Lester, non meno ottusi e testardi: la moglie ossessionata dalla morte, la nonna dipendente dal tabacco, il figlio Dude sposato con una predicatrice di 40 anni e le due figlie minori, Ellie May con il  suo labbro leporino e Pearl, sposata già a 12 anni e con manie di fuga.

kent haruf trilogia della pianuraKent Haruf – Trilogia della pianura

Qui in realtà “baro” un po’: come suggerisce il nome, la “Trilogia della pianura” è composta 3 romanzi: Canto della pianura, Crepuscolo e Benedizione. Holt è un’immaginaria cittadina del Colorado, non lontano da Denver, dove la vita scorre lenta. Le vicende sono apparentemente storie normali, rese indimenticabili e oserei dire quasi liriche dalla penna dell’autore, abile nel descrivere i rapporti umani e i piccoli drammi quotidiani, che fortunatamento possono però portare anche a un inaspettato e dolceamaro lieto fine. Consigliato se ci si vuole immergere nella vita di provincia americana.

alex haley radiciAlex Haley – Radici

Radici racconta la storia della famiglia dell’autore, l’afroamericano Alex Haley.  Il romanzo inizia nel 1750, in Gambia, narrando la vita del giovane di etnia mandinka Kunta Kinte. Il ragazzo, a soli 17 anni, viene catturato dagli schiavisti, trasportato nelle colonie americane e venduto a una ricca piantagione della Virginia. Da qui, le vicende degli antenati dell’autore si snodano negli anni tra duro lavoro, privazione della libertà, violenze, ma anche – fortunatamente – la tanto attesa abolizione della schiavitù e l’inizio di una nuova vita.

jon krakauer nelle terre estremeJon Krakauer – Nelle terre estreme

Tuffiamoci nel puro nord degli Stati Uniti, toccando uno stato che suscita sempre grande curiosità: l’Alaska. “Nelle terre estreme” racconta la sventurata vita di Christopher McCandless, che aveva abbandonato tutto per viaggiare a tempo indeterminato e in pura libertà. Dopo due anni in giro per gli Stati Uniti e il Messico (e senza contatti con la famiglia), Chris arriva in Alaska, pur non essendo preparato ad affrontare una terra così, appunto, estrema. Purtroppo l’epilogo che conosciamo tutti è tragico, il ragazzo già denutrito muore per aver ingerito accidentalmente delle bacche velenose. Il romanzo è una ricostruzione della sua vita e del suo viaggio attraverso le parole della sua famiglia e delle persone che lo hanno incontrato durante i suoi vagabondaggi.

maya angelou io so perché canta l'uccello in gabbiaMaya Angelou – Io so perché canta uccello in gabbia

Ero indecisa fino all’ultimo se inserire questo o “Pomodori verdi fritti al caffè di Whistle Stop”, ma poi ho optato per la prima parte dell’autobiografia di Maya Angelou, poetessa statunitense scomparsa nel 2014. Il primo volume racconta la sua vita fino ai 17 anni, età in cui diventerà ragazza madre. Le vicende si svolgono tra l’Arkansas dove vive la sua nonna paterna e la California, dove vive la sua stravagante ma tutto sommato affettuosa madre. La vita della piccola Marguerite – questo è il suo vero nome – viene segnata dal razzismo e dalla violenza sessuale. La ragazza, però, riesce a trasformare questi suoi traumi in una grande forza d’animo e voglia di vivere. Consigliato.

Quali sono i vostri libri ambientati negli Stati Uniti che preferite?

 

29 pensieri su “10 libri ambientati negli Stati Uniti

  1. wwayne ha detto:

    Anch’io ho appena pubblicato un post letterario, in cui oltre a recensire un libro racconto anche una mia esperienza molto importante e molto personale… spero che ti piaccia! 🙂

    Mi piace

  2. Silvia - The Food Traveler ha detto:

    Oddio non ne ho letto nemmeno uno di questi! Alcuni li ho visti sugli scaffali in libreria – devo rimediare. Ultimamente ho letto un libro ambientato a New York che mi è piaciuto molto: si chiama Da Grande e l’autrice è Jami Attenberg: la storia di una quarantenne single, senza figli e insoddisfatta dal lavoro. Con tutta una serie di problemi. A tratti fa sorridere, a tratti quasi piangere per la tristezza delle cose che succedono. Te lo consiglio!
    Buona domenica 🙂

    Mi piace

  3. Alessia ha detto:

    Mi è piaciuto moltissimo The Help, come si dice sempre, molto più del film. Aggiungerei Pastorale Americana di P. Roth, La Strada di Matheson, se valgono pure i classici Uomini e Topi di Steinbeck poi avendo un debole per S. King probabilmente qualcuno dei suoi ambientati nella provincia del New England. Sto leggendo Le Nostre Anime di Notte di Kent Arouf e lo sto adorando😍

    Mi piace

  4. Giovy Malfiori ha detto:

    Io ci aggiungo due classici, entrambi di John Steinbeck: Furore e I Pascoli del Cielo. Nel mio primo viaggio in California sono passata proprio nei luoghi raccontati da quest’ultimo.

    Mi piace

  5. Sara ha detto:

    Non ne ho letto nemmeno uno 😱 un paio di anni fa comprai un libro che parla dei grandi romanzi americani e li analizza, ho sempre pensato che avrei preso spunto per dedicarmi a questa letteratura. E poi niente, non l’ho ancora letto perché mi sono dedicata a libri dedicati ad altri paesi che ho visitato negli ultimi 2 anni. Devo rimediare presto!

    Mi piace

  6. rossella kohler ha detto:

    Brava, bella scelta, molti li ho letti, ma mi hai dato un paio di suggerimenti molto utili. Aggiungerei Pastorale americana di Philip Roth, Underworld di Don Delillo e Furore di Steinbeck, tanto per restare sui classici.

    Mi piace

  7. Agnese - I'll B right back ha detto:

    Aaaaah mi piace un sacco questo post!! Non ho letto praticamente niente, se non “Il buio oltre la siepe” che è uno dei miei libri preferiti al mondo (nonostante “Và, metti una sentinella” mi abbia deluso). Vorrei leggere “L’aiuto” e Foer, e tu mi hai incuriosito molto con Lansdale… Peccato solo che la mia lista di libri da leggere sia infinita 🙂
    Io al volo ti consiglio il solito Bryson, con “Una passeggiata nei boschi”: a me ha fatto tanto ridere, come al solito 🙂 E poi anche “Viaggio con Charley” di Steinbeck, lo sto leggendo ora e mi piace molto 🙂

    Mi piace

  8. Simona ha detto:

    Per ora ho letto solo The Help. L’ho letto in lingua originale e mi è piaciuto molto più del film che fortunatamente ho visto solo dopo. Tra gli altri ce ne sono alcuni che mi hanno colpito non poco. Sono sicura che nel mio pacchetto di Natale che mi auto regalo ogni anno alla Feltrinelli, non mancheranno molti dei libri suggeriti! 😉

    Mi piace

  9. giuliaserra14 ha detto:

    Alcuni mai sentiti, altri si. Non ne ho letto manco mezzo, il che è strano perche io leggo tanto.

    Mi piacciono sempre tanto gli articoli sui libri 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.