metropolitana napoli materdei

Le Stazioni dell’Arte della metropolitana di Napoli

Chi segue il mio profilo Instagram e la mia pagina Facebook, avrà notato svariate sviolinate e dichiarazione d’amore per la città di Napoli. Oltre alla sua indiscutibile bellezza (e la pizza!), la sua atmosfera unica (e le sfogliatelle!) e la sua calda accoglienza (e il caffè alla nocciola!) c’è una una cosa che amo particolarmente: i napoletani amano la loro città in una maniera spropositata e trasformano ogni angolo in pura arte. Questo è il caso di alcune fermate della metropolitana, le famose Stazioni dell’Arte.

Continua a leggere

Polignano a Mare e le sue poesie

Torno a farmi viva dopo una settimana di pura latitanza, vissuta in famiglia e in ottima compagnia. Come anticipato sulla pagina Facebook di Viaggiare con gli occhiali, prima di approdare nel mio amato Salento, io e il mio compagno ci siamo concessi una piacevole sosta. In realtà non siamo andati molto lontano, ci siamo fermati a fare un giro a Polignano a Mare, un bellissimo borgo in provincia di Bari a picco sul Mar Adriatico.

Continua a leggere

castello di duino cosa vedere trieste

Castello di Duino, cosa vedere vicino Trieste

La nostra visita al Castello di Duino è stata piuttosto inaspettata. Un mio ex collega ci aveva suggerito di fare un giro a Duino e visitare l’omonimo castello. Guardando sommariamente le foto, avevo inserito questa gita nei “forse” del nostro viaggio a Trieste. Fortunatamente, alla fine abbiamo deciso di farci un salto. Beh, sono rimasta folgorata. Se vi trovate nei dintorni di Trieste, vi consiglio vivamente una visita al Castello di Duino.

Continua a leggere
roma tramonto

5 cose da non dire a un romano

Non importa da dove veniate o che lingua parliate, su una cosa possiamo concordare quasi tutti: l’accento romano ispira simpatia. Sarà la sua calata un po’ pigra, sarà la sua spacconeria innata, saranno i film di Sordi e Verdone, visti e rivisti da bambini. Mi è sempre piaciuto andare in giro per l’Italia o per il mondo e sentirmi riempire di complimenti sulla mia città, neanche l’avessi fondata io. Però, come in tutte le storie, c’è un lato oscuro. A volte questo simpatico accento dalle C strascicate e dalle parole spezzate a metà può essere un fardello. Non importa dove andrà, se a 50 km da casa o al Polo Nord, al romano verranno dette e chieste sempre le stesse cose. Ne ho raccolte 5, spero che qualche mio concittadino ne possa aggiungere altre:
Continua a leggere